Lun-Ven: 09:00 - 12:30 / 14:30 - 18:00

Mar-Ven pomeriggio chiuso

Iscriviti

Scopri i vantaggi

0544470102

Ravenna

Congresso Nazionale Asppi

Congresso nazionale Asppi, i piccoli proprietari immobiliari si incontrano a Ravenna

Tre giorni all’hotel Mattei (24-26 novembre). Si discuterà di tassazione, agevolazioni per chi ristruttura, canoni e accordi territoriali

Asppi

Per la prima volta il congresso nazionale dell’Asppi, associazione sindacale dei piccoli proprietari immobiliari, si svolgerà a Ravenna: dal 24 al 26 novembre circa duecento persone, tra delegati e ospiti provenienti da tutta Italia, saranno presenti nella sala convegni dell’hotel Mattei per l’assise presieduta dal presidente nazionale Alfredo Zagatti. A portare i saluti del Comune di Ravenna sarà l’assessore Massimo Cameliani.

Tra i temi dibattuti quello della tassazione sugli immobili, le agevolazioni per chi ristruttura la casa e il dibattito per una nuova modalità di fare i canoni per le strutture commerciali. Previsti anche alcuni Focus: su condominio, valorizzazione immobili e accordi territoriali, tutti temi delicati e in via di trasformazione anche supportati da nuove leggi e regolamenti.

Nella sua relazione introduttiva il presidente Zagatti sottolineerà anche aspetti legati alla finanziaria e quindi all’impegno di Asppi perché l’imposizione fiscale sulla casa possa ancora diminuire, in particolare per chi affitta con canone concordato. A Ravenna sono stati recentemente stipulati degli accordi territoriali tra associazioni dei proprietari e quelle degli inquilini che danno precise disposizioni su come andare al rinnovo. Asppi è contraria a nuove pressioni fiscali sulla casa come ipotizzano già alcuni partiti e movimenti, facendone anche un punto fermo per la loro campagna elettorale. In merito ai nuovi canoni concordati sta facendo discutere la possibilità, da parte delle associazioni firmatarie, di poterli certificare. Questa certificazione (Attestazione di Conformità) potrebbe rendersi necessaria a causa di un numero importante di contratti concordati non regolamentari che però godono dei benefici previsti: cedolare secca al 10 percento e Imu agevolata. In alcuni territori sono iniziati i controlli e chi non è in regola viene sanzionato e deve rifondere la parte di benefici di cui ha goduto impropriamente.

Comments are closed.